la consumazione di petrolio nel mondo ed il prezzo del barile di petrolio.
gold silver
mailing paying
home

La consumazione mondiale di petrolio :  Nord / Sud

pdf

L'abbassamento di consumazione del petrolio è molto alla moda da alcuni mesi, più precisamente l'abbassamento di consumazione del petrolio in Nordamerica ed in Europa. Non bisogna confondere la consumazione di petrolio dei paesi nord e la consumazione mondiale di petrolio.  
Anche se l'abbassamento di consumazione del petrolio in America del nord ed Europa sono probabili, lei meno evidente alla scala mondiale.  
La domanda è di sapere se l'abbassamento di consumazione di petrolio dell'America del nord e dell'Europa sarà, o non, compensare per i paesi del sud?

I. La consumazione di petrolio
Nord (America del nord ed Europa) : 
C'è 1 miliardo di abitanti, o il 15% della popolazione mondiale. 
La consumazione di petrolio è di 16.4 miliardi di barili di petrolio per anno, il 52% della consumazione mondiale di petrolio. 
Sud, resta del mondo : 
Ci sono 5,6 miliardi di abitanti, o il 85% della popolazione mondiale,  
La consumazione di petrolio è di 14.6 miliardi di barili di petrolio per anno, il 47% della consumazione mondiale di petrolio. 
  Dal 1965 la consumazione di petrolio dell'America del nord e dell'Europa ha progredito del 61,7%, quella del resto del mondo ha progredito del 620%, malgrado ciò il resto del mondo consumo 7 volte meno di petrolio per abitanti che l'America del nord e l'Europa. 
Dalla crisi petrolifera degli anni 1980 la consumazione di petrolio del nord ha stagnato mentre questo lei del resto del mondo aumentato, ciò fa 30 anni che la crescita della consumazione mondiale di petrolio fa si al sud e neanche al nord

I.La consumazione di petrolio per abitante.
Un americano consuma 25 barili di petrolio per anno, ciò che fa 3 977 litri di petrolio per anno. 
Un tedesco consuma 10,6 barili di petrolio per, ciò che fa 1 685 litri di petroli per anno. 
Un brasiliano consuma 4.2 barili di petrolio per anno, ciò che fa 669 litri di petrolio per anno. 
Un cinese consuma 2.1 barili di petrolio per anno, ciò che fa 347 litri di petrolio per anno. 
Un indiano consuma 0.9 barile di petrolio per anno si che fa 145 litri di petroli per anni

Un brasiliano consuma 6 volte meno petrolio che un americano, un cinese dodici volte meno ed un indiane 28 volte meno… 
 
Se la Cina e l'inde accedono al livello di consumazione di petrolio del brésil, la consumazione petrolifera della Cina e l'India aumenteranno del 300% ciò che aumenterà la consumazione mondiale del 20%, la consumazione mondiale di petrolio passerà di 85 milioni di barili di petrolio da giorni a più di 102 milioni di barili per giorni, più il rialzo di consumazione degli altri paesi di Asia, dell'Africa, dell'America del sud e del medio oriente…). 
 
Una produzione mondiale di 100 milioni di barili per giorni, sono proprio le previsioni di produzione massima di un grande gruppo petrolifero ed al di là delle stime di certi specialisti indipendenti, considerano un massimo a forma di vassoio tra 90 e 100 milioni di barili di petrolio per giorno. Questa produzione riposerà principalmente sulla produzione dell'Iran, l'Iraq, l'Arabia saoudite, la Nigeria, l'Angola, stabilità politica…) e gli olii pesanti e sabbie bitumineux del Venezuela e del Canada (problemi): tecnica, rendimento energetico, prezzo…). 
 
Se considera un abbassamento di consumazione al nord per ciò che consumano molto, bisogna considerare anche come probabile un rialzo al sud che consuma poco…
15% della popolazione mondiale del "nord" consumano la metà della produzione mondiale di petrolio ed i 85% della popolazione mondiale del "sud" consumano l'altra metà della produzione mondiale di petrolio. L'ha sud:   
- Una crescita demografica superiore. 
- Una crescita economica più importante. 
- Delle fabbriche che sono partite dal nord al sud.  
- Adotto lo stile di vita fortemente consumatore di energia del nord. 
 
Alla vista della ripartizione della consumazione mondiale di petrolio e della riorganizzazione planetaria dell'economia, l'abbassamento di consumazione del nord potrebbe essere compensato comodamente dal rialzo di consumazione del sud negli anni che vengono.  
La crisi fa abbassare il prezzo del barile di petrolio a breve termine in un tipo di riflesso Pavloviano dell'equilibrio offro domanda che va ad essere devastatore a lungo termine per la produzione mondiale di petrolio. La crisi non permette di trovare di nuovo giacimento di petrolio, impedisce anche di nuovo l'esplorazione e lo sviluppo giacimento per il cedimento degli investimenti nelle settore petroliere. Anche l'A.I.E, Agenzia internazionale dell'energia di cui l'ottimismo non è più a smontare annuncio che nell'assenza di investimento massiccio il declino dei 800 più grandi campi petroliferi sarà del 9% per anno. 
Il barile di petrolio a 50 dollari è un'aberrazione temporanea dei prezzi a breve termine che va ad avere delle conseguenze cicloniche su questi stessi prezzi del barile di petrolio a lungo termine, più resteremo molto tempo a si livello di prezzo, più la prossima vaga di rialzo dei prezzi del barile di petrolio sarà violenta, siamo nel occhio del ciclone. 

« Siamo in un mondo al quale non appartengo già più. Quello che ho conosciuto, quello che ho amato, aveva 1,5 miliardo di abitanti. Il mondo attuale conto 6 miliardi di uomini. non sono più il mio". Claude  Lévi-Strauss               

            Dott. Thomas Chaize            

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

raw material
other
mailing free
dani2989 logo